Nepal: non tutto è perduto

Ogni giorno, in Nepal 7 bambini diventano ciechi, per l’estrema povertà, l’emarginazione delle famiglie e l’impossibilità di raggiungere gli ospedali e i centri di cura.
Ritesh, che vedi nel video, è uno di questi bambini: tu puoi salvarlo.

Dona ora

Il mio bambino è quasi cieco, ma non abbiamo i soldi per farlo operare.

Bhima, mamma di Ritesh

La storia di Ritesh

Ritesh è un bimbo di 5 anni, vive in un villaggio del Nepal orientale insieme alla mamma Bhima e al fratello. Il padre è emigrato in Qatar per trovare lavoro e poter mantenere la famiglia. Negli ultimi mesi si sono aggiunte nuove preoccupazioni: sembra che Ritesh abbia smesso di vedere, cade ad ogni passo, deve avvicinare ogni oggetto al viso per metterlo a fuoco.

ritesh, bambino nepalese con cataratta

Al centro medico locale gli viene diagnosticata la cataratta ad entrambi gli occhi. Ritesh deve essere operato subito, ma la famiglia non può permettersi l’operazione.
Questa è la drammatica situazione di moltissimi bambini e famiglie nepalesi.

Quando la povertà causa cecità

In Nepal ogni giorno 7 bambini diventano ciechi. Significa un bambino ogni 3 ore e mezza.
Questo fenomeno è in larga parte causato dalla condizione di estrema povertà ed emarginazione in cui vivono i bambini con le loro famiglie, che rendono difficile l’accesso alle cure sanitarie.
Le strutture mediche sono scarse o lontane, i viaggi verso gli ospedali troppo costosi, o spesso semplicemente le persone non sanno che la propria malattia può essere curata. Come nel caso della cataratta, prima causa di cecità al mondo.

Intervenire è possibile

La notizia è ancora più allarmante se si considera che in 8 casi su 10 la cecità si può prevenire o curare. Ma bisogna intervenire subito!
Ecco perché siamo presenti nel Paese con il programma EREC-P (Eastern Regional Eye Care- Programme) uno dei programmi più grandi al mondo per numero di operazioni di cataratta.
Vogliamo garantire l’accesso a cure oculistiche di qualità alle persone più povere, vulnerabili ed emarginate del Nepal, per spezzare il ciclo che lega povertà e disabilità e contribuire così a migliorare la qualità delle loro vite.

Un programma di eccellenza, che ha bisogno di te per continuare

23
centri di salute
128 mila
chirurgie oculistiche
1 milione
pazienti visitati

Questi sono i numeri del programma EREC-P ogni anno che include, oltre a due grandi ospedali a Lahan e Biratnagar, cliniche mobili che si spostano fin nelle zone più remote per portare screening e individuare le persone che necessitano di cure oculistiche. Questo programma, nato per portare assistenza medica di qualità a tutti, dalla sua fondazione ha permesso di visitare oltre dieci milioni di persone, contribuendo in modo significativo alla riduzione della cecità in Nepal.

Oggi puoi sostenere il lavoro del programma EREC-P e garantire cure di qualità alle persone più povere ed emarginate del Nepal. Con il tuo aiuto tanti bambini come il piccolo Ritesh potranno ricominciare a vedere!

Ecco come spezziamo il ciclo povertà – disabilità in Nepal

In Nepal offriamo cure e servizi d’eccellenza alle persone più povere ed emarginate della popolazione permettendo così di trattare le cause prevenibili e curabili di cecità e impedendo che si trasformino in disabilità permanenti.

In questo modo le persone possono partecipare alla vita di comunità, andare a scuola, trovare un lavoro e spezzare il ciclo che lega povertà e disabilità.

I dati riportati in questa pagina fanno riferimento a IAPB 2020 e al censimento decennale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Nepal Blindness Survey, NNSJ 2012)