Fermiamo la cecità. Insieme è possibile.

253 milioni di persone nel mondo sono cieche e ipovedenti. L’89% di loro vive nei Paesi del Sud del mondo. In questi Paesi essere ciechi significa vivere in pericolo ogni giorno a causa di incidenti, maltrattamenti e abusi da cui non ci si può difendere, significa non lavorare, significa essere ancora più poveri.

 

Con la campagna “Fermiamo la cecità. Insieme è possibile” vogliamo salvare dalla cecità 2 milioni e mezzo di bambini, donne e uomini in Africa, Asia e America Latina.

Ci aiuterai a sostenere 37 progetti di prevenzione e cura della cecità e delle disabilità visive in 17 Paesi: Etiopia, Kenya, Madagascar, Repubblica Democratica del Congo, Rwanda, Sud Sudan, Tanzania, Uganda, Zambia, India, Nepal, Territori Palestinesi, Vietnam, Bolivia, Brasile, Colombia, Paraguay.

 

Con il tuo aiuto vogliamo:

 

  • identificare i bambini e gli adulti ciechi e con problemi di vista
  • portare loro visite oculistiche, operazioni chirurgiche e riabilitazione attraverso:
  • formazione di personale medico locale
  • costruzione e equipaggiamento di sale operatorie e ambulatori
  • distribuzione di occhiali da vista e ausili
  • allestire cliniche oculistiche mobili, per raggiungere anche chi vive lontano dagli ospedali
  • costruire pozzi e distribuire antibiotici per prevenire le cause infettive di cecità.

Attività a sostegno della campagna “Fermiamo la cecità. Insieme è possibile”

Nei weekend 14-15, 21-22 e 28-29 ottobre i volontari di CBM saranno nelle piazze italiane con i croccanti al cioccolato ad alto contenuto di solidarietà.

Scopri le piazze

Il nuovo libro dell’artista Mattotti che, con le sue visionarie immagini, racconta il ritorno alla luce che vivono milioni di persone cieche aiutate da CBM.

Richiedilo subito

A ottobre parte la Tournée del Blind Date del pianista Cesare Picco, che permette di vivere le emozioni che si provano quando si torna a vedere.

Prenota il tuo posto

Alcuni dei nostri progetti più importanti

Ambasciatori e amici che sostengono “Fermiamo la cecità. Insieme è possibile”