progetto-pin

Buluk Eye Centre – Central Equatoria State Eye Care Initiative To Avoid blindness

Sud Sudan,

Stato dell’Equatoria Centrale (CES) / Jubek State, Juba

DESCRIZIONE DEL PROGETTO:

 

Il Sud Sudan è lo Stato più giovane del mondo, resosi indipendente nel 2011.

 

Dilaniato da decenni di conflitti etnici e civili, oggi è ancora in stato di emergenza, con un’aspettativa di vita intorno ai 54 anni e un tasso di mortalità materna e infantile tra i più alti al mondo.

 

Non solo: oltre metà della popolazione vive a più di 5 km a piedi dai centri sanitari e non esistono servizi oculistici, nonostante il Sud Sudan sia tra i Paesi con più alta incidenza di malattie visive (la cecità è attorno all’1,6%).

Qui la prima causa di cecità è la cataratta, seguita da errori refrattivi. Il personale oculistico è carente e non copre il bisogno di cure, soprattutto delle fasce più vulnerabili come donne e bambini.

 

Per questo l’obiettivo del nostro progetto è ridurre i casi di cecità evitabile nello Stato Equatoria Centrale, fornendo servizi oculistici funzionanti e di qualità, sia presso la clinica Buluk della città di Juba, sia presso la comunità rurale e suburbana.

 

Il progetto, di durata triennale, prevede queste linee di intervento: equipaggiamento della clinica Buluk, attraverso la costruzione di una nuova sala operatoria e di un laboratorio di occhiali; allestimento di cliniche oculistiche mobili nelle zone rurali, che erogheranno servizi oculistici e operazioni chirurgiche; formazione di medici; sensibilizzazione nelle scuole e presso le comunità e formazione sulla prevenzione oculistica rivolta a staff sanitario e insegnanti. Infine si prevede la creazione di un coordinamento tra le autorità locali e le associazioni locali sui temi della lotta alla cecità a livello statale.

 

 

 

PARTNER E FINANZIATORI:

Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Ministero della Sanità di Equatoria Centrale (SMoH-CES)

Ufficio Paese di CBM per il Sud Sudan

Maryknoll Brothers

Juba Teaching Hospital

 

 

RISULTATI RAGGIUNTI 

 

Nei due anni di progetto nella clinica abbiamo garantito visite e cure oculistiche a più di 23.300 pazienti, donando la vista a oltre 1.200 persone. Non solo a Juba, ma anche nelle zone rurali più remote e nei numerosi campi profughi intorno alla città, grazie all’attività delle nostre cliniche mobili.

 

Abbiamo inaugurato una nuova sala operatoria che permette di operare ben 4 pazienti contemporaneamente. Inoltre, abbiamo costruito anche un laboratorio ottico per l’assemblaggio e distribuzione di occhiali da vista e una sala degenza per i pazienti.

Ad oggi abbiamo distribuito 400 paia di occhiali da vista alle persone più bisognose.