Il 3 marzo è la Giornata mondiale dell’udito

La disabilità uditiva è la più diffusa al mondo e colpisce 360 milioni di persone.

Di queste, 32 milioni sono bambini, la maggior parte dei quali vive nei Paesi a basso o medio reddito.

Eppure il 60% delle disabilità uditive nei bambini si può prevenire (OMS, 2016).

 

Per i bambini l’udito è la chiave per imparare a parlare, la sua perdita può diventare un ostacolo per l’apprendimento ma anche per l’integrazione sociale.

 

Per portare l’attenzione su questo tema, il 3 marzo, nella Giornata mondiale dell’udito, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, con il supporto di organizzazioni come CBM, organizza a Ginevra il seminario “Perdita di udito nei bambini: agiamo ora, ecco come!”.

 

Sarà un’occasione per sensibilizzare il pubblico e le istituzioni sull’importanza della prevenzione e dell’identificazione precoce dei problemi all’udito, ma anche sulla necessità di unire gli sforzi per affrontare lo stigma, i pregiudizi sociali e la discriminazione nei confronti delle persone con sordità, in particolare nei Paesi in Via di Sviluppo.

 

Proprio in questi Paesi CBM opera per migliorare la qualità della vita delle persone sorde e di quelle che rischiano la perdita dell’udito, attraverso attività di  prevenzione, identificazione precoce della patologia, riabilitazione e inclusione.

 

Ma anche con attività di sensibilizzazione sui rischi legati all’esposizione al rumore eccessivo; promuovendo misure di riduzione del rumore negli ospedali, nelle abitazioni, nelle scuole e nei luoghi di lavoro; incoraggiando un approccio di Salute pubblica che preveda screening per la diagnosi precoce, programmi di educazione e intervento precoce, servizi medici adeguati.

 

In un anno:

  • abbiamo raggiunto 700.000 persone, che hanno beneficiato di servizi di cura dell’udito;
  • abbiamo svolto 150.000 test audiologici e 400.000 screening (più della metà dei quali su bambini);
  • 15.000 persone sono state sottoposte a interventi chirurgici e 50.000 hanno ricevuto trattamenti non chirurgici per otite media cronica;
  • 25.000 bambini sordi sono stati inseriti e supportati nei programmi di CBM.
giornata-mondiale-udito-cbm-g