Uganda
19 luglio 2017

Uganda: buone notizie dall’ospedale CoRSU

Oltre 5.000 operazioni chirurgiche nell’ultimo anno e più di 2.000 ausili motori distribuiti. Quasi l’80% dei pazienti raggiunti sono bambini.

 

Sono questi i risultati di un intenso anno di lavoro all’ospedale CoRSU, che sosteniamo a Kampala.

La struttura accoglie tantissime persone, soprattutto bambini, con gravi disabilità fisiche, che ogni giorno raggiungono l’ospedale per potersi curare. Osteomielite, piede torto, deformazioni degli arti sono le patologie più diffuse, ma anche palatoschisi, una malattia che mette a rischio la vita stessa dei bambini perché non riescono a nutrirsi.

 

Secondo le Nazioni Unite sono circa 80 milioni le persone con disabilità che vivono nel continente africano. E avere una disabilità fisica in Africa significa troppo spesso essere lasciati soli: i bambini non possono andare a scuola, le loro famiglie vengono isolate dalla comunità… significa vivere ai margini. Obiettivo del CoRSU è quello di offrire servizi medici e riabilitativi che possano migliorare la vita delle tante persone con disabilità.

La chirurgia occupa un posto importante, soprattutto ortopedica: nell’ultimo anno sono 3.364 le operazioni effettuate per osteomielite (678), deformità degli arti (538), piede torto (457), fratture e traumi (251) e altre patologie fisiche (1.437). Non solo ortopedia; nell’ultimo anno al CoRSU sono stati operati 315 pazienti per ustioni, 299 per palatoschisi e 1.183 persone per interventi di plastica ricostruttiva.

 

Questi interventi richiedono cure in un ambiente protetto e isolato: per questo CBM, grazie al sostegno della Fondation Assistance Internationale – FAI, ha costruito un nuovo Reparto Infettivi, che verrà inaugurato ufficialmente il prossimo autunno.

 

Accanto alla chirurgia, è altrettanto importante fornire servizi di riabilitazione e ausili motori: nel 2016 sono 3.582 i pazienti che hanno ricevuto riabilitazione (tra cui fisioterapia e terapia del linguaggio) e oltre 2.000 gli ausili distribuiti, come carrozzine, stampelle, deambulatori e protesi.