Etiopia
3 giugno 2019

SAFE: una strategia per combattere il tracoma

Cos’è il tracoma

Il tracoma è la prima causa infettiva di cecità al mondo. L’infezione è causata dal batterio Chlamydia Trachomatis e colpisce le popolazioni che vivono nelle comunità più povere del mondo, dove acqua pulita, sistemi igienici e sanitari sono carenti.

Come si diffonde

Il tracoma è altamente contagioso.  Si diffonde per contatto con persone infette o viene trasmesso dalle mosche. Se non si interviene tempestivamente con antibiotici, l’infezione degenera e, dopo la forte congiuntivite dello stadio iniziale, si creano delle cicatrici all’interno della palpebra.

Successivamente le ciglia si rivoltano verso l’interno dell’occhio, lesionando la cornea irrimediabilmente e portando alla cecità.

Il tracoma nel mondo

1,9 MILIONI

le persone cieche o ipovedenti a causa del tracoma 

157,7 MILIONI

  le persone a rischio infezione da tracoma

1,4 %

della cecità mondiale è causata dal tracoma 

CBM è impegnata nella lotta al tracoma in:

  • Etiopia
  • Nigeria
  • Uganda
  • Kenya
  • Tanzania

L’Etiopia è il Paese più colpito: per questo dal 2014 abbiamo avviato un ampio progetto per prevenire e curare questa malattia. Eliminare il tracoma significa curare chi ne è colpito, con medicine o operazioni chirurgiche…ma solo questo non basta! 

L’impegno di CBM in Etiopia

Per rendere efficace il nostro intervento, è necessario creare le condizioni che permettano al popolo etiope di poter prevenire il tracoma. È quello che facciamo ogni giorno attraverso la strategia S.A.F.E. promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, lavorando su quattro componenti: distribuzione di antibiotici, operazioni chirurgiche, costruzione di pozzi dai quali attingere acqua pulita ed educazione alle corrette norme igieniche.

Il tracoma è un’emergenza complessa che richiede un impegno costante affinché sia affrontata, arginata e poi sconfitta. 

Vuoi aiutarci a sconfiggere il tracoma in Etiopia? Sostieni il lavoro di CBM. Dona ora