Sud Sudan
3 settembre 2018

Cresce l’impegno di CBM in Sud Sudan

È partito il 1° luglio scorso il nuovo progetto di CBM in Sud Sudan.

 

Un inizio che in realtà è la continuazione del nostro impegno in uno dei Paesi più difficili dell’Africa, segnato da decenni di conflitti civili. 

Qui, dove siamo gli unici a portare cure oculistiche alla popolazione, abbiamo deciso di restare per rafforzare i servizi oculistici nello Stato di Jubek e ampliarli negli Stati di Imatong e Amadi. Un nuovo progetto triennale che realizzeremo anche con il sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS).

 

Punto di riferimento rimane il centro oculistico Buluk, nella capitale Juba, che si avvia a diventare centro di eccellenza per l’intero Paese grazie alla formazione specialistica oftalmica del personale medico e alle chirurgie di qualità che qui vengono realizzate, in linea con gli standard dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dal Buluk inoltre partiranno cliniche oculistiche mobili che organizzeranno screening visivi nelle scuole, nei campi profughi e attività di sensibilizzazione nelle comunità. 

 

Negli Stati di Amadi e Imatong invece lavoreremo per portare cure oculistiche di base formando personale negli ospedali di Lui e Torit e realizzando cliniche oculistiche mobili (chirurgiche e non) nei territori circostanti. 

 

Con il vostro aiuto vogliamo raggiungere e curare 40.800 pazienti negli ospedali, 8.000 nelle cliniche oculistiche mobili, visitare 7.000 bambini nelle scuole e sensibilizzare sulla salute della vista 63.200 persone nelle comunità.