Emergenza Uragano Haiti
4 ottobre 2017

Haiti: un anno dopo l’uragano Matthew

Il 4 ottobre di un anno fa Haiti è stata colpita dal più potente uragano degli ultimi dieci anni, che ha devastato le aree costiere in molte parti del Paese; tra le zone più colpite Les Cayes e Jérémie.

 

I dati ufficiali stimano che sono state 2.1 milioni le persone colpite e 1.4 milioni quelle che hanno avuto bisogno di assistenza umanitaria.

 

L’Unità di Risposta all’emergenza di CBM in stretta collaborazione con i partner locali, ha implementato un piano di risposta mirato a includere le persone con disabilità e i membri più vulnerabili delle comunità.

 

Ad Haiti CBM ha allestito da subito dei campi di soccorso temporanei da cui coordinare il piano di aiuti.

 

Una delle sfide principali è stato fare i conti con la distruzione di case e infrastrutture, devastate dall’uragano; nonostante queste difficoltà, è stata implementata una strategia di intervento globale e inclusivo.

 

L’obiettivo è stato assicurare che le vittime dell’uragano, in particolare le persone con disabilità e le loro famiglie, potessero accedere ai soccorsi, ricevere sostegno psicosociale e tornare alla normalità attraverso la ricostruzione delle abitazioni e la ripresa delle attività di sostentamento.

 

A un anno dall’uragano CBM e i suoi partner hanno raggiunto 21.243 persone; più del 30% di loro hanno una disabilità.

Grazie anche a tanti sostenitori abbiamo potuto realizzare queste attività:

 

 

  • allestire campi di soccorso temporanei nelle zone di Les Cayes e Jérémie
  • creare 29 gruppi di supporto psicologico, che hanno aiutato 313 vittime dell’uragano
  • identificare e portare aiuto a 6.537 persone con disabilità (il 54% delle quali sono donne)
  • ricostruire e attrezzare 8 scuole e centri di riabilitazione
  • supportare più di 5.000 persone nella ripresa delle loro attività donando loro sementi per l’agricoltura, bestiame, corsi di formazione.