Varie
20 gennaio 2014

ll dottore di Laxmi

Il Dottor Tarun ci parla di Laxmi

Dottor Tarun, dopo aver visitato Laxmi, cosa ci può dire? Quali sono le condizioni della bambina? Laxmi, quando aveva solo sei mesi, è scivolata nel fuoco e ha subito delle gravi ustioni che hanno pesantemente danneggiato la sua gamba destra fino a comprometterne la crescita. Ai tempi Laxmi era stata curata in ospedale, ma anche allora la cosa migliore da fare era amputare l’arto con un intervento chirurgico. Purtroppo la sua famiglia non poteva sostenere le spese mediche e cosi è stata dimessa. Da quel giorno sono passati circa nove anni in cui Laxmi ha vissuto in condizioni inaccettabili ma per fortuna,  qualche settimana fa, un nostro operatore comunitario l’ha individuata. Grazie all’aiuto e al supporto dei  donatori di CBM ora Laxmi è qui, riceverà finalmente le cure mediche di cui ha bisogno.

Come potrete aiutare Laxmi? L’arto è in condizioni davvero critiche, a causa delle ustioni non si è sviluppato e qualunque capacità motoria è completamente compromessa: per la bambina purtroppo è solamente un peso. Mi sono consultato con diversi colleghi e siamo tutti d’accordo che l’unica soluzione per aiutare Laxmi è di compiere un intervento di amputazione della gamba. Successivamente la sostituiremo con una protesi, un arto artificiale con cui potrà finalmente camminare. So bene che non è una decisione facile per la famiglia, ma è la cosa migliore per questa bambina.

Come pensate di procedere dopo l’intervento? Quale sarà il piano di cura? E quanto tempo pensa ci vorrà prima che sarà in grado di camminare autonomamente? In seguito all’intervento Laxmi resterà in ospedale per circa tre settimane, durante questo periodo cureremo il moncherino con dei bendaggi regolari. Dopo di che provvederemo a rimuovere i punti di sutura e potrà essere finalmente dimessa. Dopo 40 giorni circa la ferita sarà completamente rimarginata, dovrà ancora tornare per una visita di controllo e per farci prendere le misure della sua nuova protesi. Penso che in circa tre mesi a partire da oggi sarà in ottime condizioni e le consegneremo il suo nuovo arto artificiale che le permetterà di camminare con entrambe le gambe. Per lei comincerà una nuova vita, sarà autonoma e indipendente, scoprirà un mondo che sino ad ora le è nascosto.

Cosa significa per lei fare il medico all’ospedale HDRC di CBM? Adoro fare questo lavoro perché posso fare davvero molto per tanti bambini come Laxmi. Assistiamo e partecipiamo ogni volta a qualcosa di sensazionale. Vediamo rinascere la speranza nei nostri piccoli pazienti e nelle loro famiglie. I bambini disabili che curiamo quotidianamente vivono una vera e propria rinascita e questo mi rende davvero felice e orgoglioso.

Il sentimento del dottor Turan deve essere anche il tuo… perché se tutto questo è possibile è anche grazie a te.