Varie
1 settembre 2014

Sajana tornerà a camminare!

Sajana e suo padre Padam, dopo un lungo viaggio, sono finalmente arrivati all’ospedale CBM.

Un’auto è andata a prenderli a casa questa mattina per portarli in ospedale. La clinica si trova su una collina a 20 km da Kathmandu. Sajana è una dei 4.000 bambini che ogni anno vengono visitati e operati in questo ospedale.

La famiglia di Sajana non avrebbe mai potuto affrontare le spese per il trasporto in ospedale, l’intervento, i farmaci, gli ausili ortopedici e le terapie di riabilitazione. Solo il  provvidenziale sostegno economico di persone come te, che hai aderito al programma di sostegno a distanza con CBM, permetterà a questa dolcissima ragazzina di ricevere tutte le cure di cui ha bisogno per vincere per sempre la disabilità.

LA PRIMA VISITA IN OSPEDALE

Pochi minuti dopo il suo arrivo, Sajana viene visitata dai medici che seguiranno l’operazione e la fase postoperatoria della bambina. Fatti tutti gli accertamenti e gli esami, non hanno alcun dubbio: Sajana ha bisogno di un intervento chirurgico correttivo, prima su un piede e poi sull’altro, al quale seguirà una lunga fisioterapia, ma sarà presto in grado di camminare.

LE PAROLE DI SPERANZA DEI MEDICI

Il Dottor Tarun e il Dottor Om, due chirurghi ortopedici, dopo aver osservato le radiografie e controllato i piedi di SaJana affermano: Se non ci saranno complicazioni, mi aspetto un buon risultato dopo l’intervento chirurgico e la riabilitazione intensiva. La bambina sarà in grado di camminare.

“Dopo l’operazione verrà fatta una scarpa ortopedica su misura per lei – spiega il fisioterapista Shyam – nel frattempo potrà utilizzare un deambulatore e sostenersi mentre cammina senza sollecitare eccessivamente le caviglie. In questo modo può iniziare subito a fare pratica negli spostamenti in autonomia senza dover essere presa in braccio dal padre. L’esercizio è sempre buona cosa e anche dopo l’intervento chirurgico sarà importante essere di nuovo in movimento molto presto”.

Ora Sajana è stanca ed emozionata e un infermiere la accompagna verso la sua stanza dove potrà riposare e iniziare a fantasticare sul “miracolo” che le sta accadendo.

“Mi piace essere qui. Sono felicissima, oggi è il giorno più bello della mia vita!”, dice Sajana con un grande sorriso prima di chiudere gli occhi e addormentarsi con la gioia nel cuore.