In viaggio con CBM: Daniele Bossari in Nepal

“In Nepal, un viaggio profondo ed emozionante.”

Daniele Bossari, conduttore televisivo e amico di CBM, in Nepal ha vissuto l’emozione di stare accanto a uno dei tanti bambini con problemi alla vista operati e guariti nell’ospedale oculistico di CBM a Biratnagar.

Un luogo che per migliaia di abitanti del Nepal e dell’India significa speranza, sviluppo, rinascita.

Daniele ha potuto vedere con i suoi occhi le file lunghissime di donne, bambini, uomini e anziani che ogni mattina si formano davanti ai cancelli dell’ospedale. Rimangono compostamente in fila, in un silenzio surreale, attendendo il loro turno. Tutti con un sogno: poter tornare a vedere.

 

 

Tra i tanti bambini in attesa c’è Ismail, un bimbo di sei anni, affetto da cataratta congenita.

Daniele ha potuto seguire da vicino il suo percorso di guarigione, accompagnandolo in sala operatoria, standogli accanto durante la rimozione delle bende, attendendo con emozione insieme ai suoi familiari l’esito dell’operazione:

 

 

 

Il racconto dell’esperienza di Daniele in Nepal

 

In Nepal ho conosciuto il piccolo Ismail di sei anni, affetto da cataratta congenita; insieme al papà e al fratello ha affrontato un viaggio di oltre 14 ore per arrivare dal suo villaggio fino all’ospedale di Biratnagar. Qui è stato operato agli occhi e ha riacquistato la vista.

Mi sono sinceramente emozionato. In ospedale erano tutti tranquilli, per i medici e le infermiere si trattava di normale routine, ma per me è stato il momento più significativo e rappresentativo di questo viaggio. Il motivo per cui sono venuto fin qui. Mentre il medico visitava Ismail, suo padre per l’emozione sembrava quasi non respirare. Tutte le sue speranze si sono realizzate nel momento della verità: quando il medico ha rimosso le bende dagli occhi di Ismail e si è accertato che l’intervento era riuscito!

 

 

Per saperne di più vai al progetto

ALTRE STORIE DAI CBM LOVERS:

I SOSTENITORI DI CBM

“La ragazza magica”: Bebe Vio si racconta a “Occhiolino”

L'intervista esclusiva per il nostro giornalino per bambini, con le foto del nostro amico e ambasciatore Settimio Benedusi.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

L’impresa di Catherine, orgoglio di CBM!

Uno straordinario esempio di come l’impegno e la volontà permettano di raggiungere traguardi straordinari.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

Disegnare l’inclusione

Se non ci fossero colori diversi, non esisterebbe l'arcobaleno.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

L’inclusione spiegata ai ragazzi

Per costruire una società inclusiva è fondamentale coinvolgere le nuove generazioni. Proprio come ha fatto un insegnante di una scuola di Napoli, che ha scelto il film di CBM “Un albero indiano” per parlare a suoi studenti di disabilità e inclusione.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

Ritornare alla vita come un seme che cresce

Il laboratorio con Felice Tagliaferri con gli ospiti dell'OPSA di Padova: un lavoro di percezione tattile e di esplorazione, un incontro straordinario.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

La storia di Raffaella Panza

Un sorriso contagioso che continua a fare del bene.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

La storia di Tullio Frau

Tullio Frau, podista non vedente, ha deciso che correre per se stesso non gli basta più: vuole farlo per gli altri, per i bambini dei Paesi del Sud del mondo

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

In viaggio con CBM: Ilenia Lazzarin e Patrizio Rispo in Kenya

Lungo un viaggio a tappe in Kenya, Ilenia Lazzarin e Patrizio Rispo hanno potuto visitare progetti importanti, come la scuola per bambini non vedenti St. Lucy’ e l’ospedale oculistico di Nairobi.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

In viaggio con CBM: il pianista Cesare Picco in India

A Shillong, in India, Cesare ha visitato una scuola speciale, inclusiva, dove i bambini ciechi imparano a leggere e scrivere insieme a compagni di banco che non hanno alcun problema alla vista.

Leggi la sua storia
I SOSTENITORI DI CBM

In viaggio con CBM: Filippa Lagerbäck in Uganda

Per Filippa Lagerbäck tutto è iniziato in Uganda, dove ha potuto visitare uno dei nostri progetti a Kampala e dove ha seguito da vicino il percorso di guarigione del piccolo Jessy.

Leggi la sua storia