FAQ

Qual è il contributo per il sostegno a distanza con CBM?

Il contributo per attivare il sostegno a distanza è di soli 66 centesimi al giorno. La quota totale, di 240 euro l’anno, puoi scegliere di suddividerla con la periodicità che preferisci: 20 euro al mese, 60 euro a trimestre oppure 120 euro ogni sei mesi. Un anno di cure, di lavoro, di riabilitazione e il tuo contributo annuale potranno cambiare totalmente la vita ai bambini dimenticati.

 

Come faccio a conoscere i risultati del mio sostegno a distanza?

Avrai la possibilità di seguire la storia di uno dei bambini assistiti da CBM. Attraverso il racconto della sua guarigione potrai conoscere l’esperienza dei tanti bambini ai quali avrai contribuito a cambiare la vita. Riceverai la foto di uno di loro, l’esito dell’operazione e i progressi del percorso di riabilitazione. Allo scadere del primo anno, quando il bambino che avrai seguito sarà stato curato, riceverai la storia e il racconto di un nuovo bambino che ha bisogno di tutte le cure mediche per poter iniziare la sua storia di rinascita.

 

Quanto dura il progetto di Sostegno a Distanza?

Ogni anno avrai la possibilità di seguire la storia di cura e guarigione di uno dei bambini assistiti. In generale il progetto di Sostegno a Distanza è a lungo termine perché, oltre all’operazione chirurgica, i bambini hanno bisogno di un percorso di riabilitazione che può durare anche diversi anni.

Per garantire un contributo concreto consigliamo di sostenere il progetto in maniera regolare per almeno un anno.

 

Quali aggiornamenti riceverò?

Dopo aver attivato il sostegno, con il versamento della prima donazione, riceverai due fotografie con tutte le informazioni sulle condizioni di salute e di vita di un bambino con disabilità assistito da CBM.

Nel corso dell’anno sarai costantemente informato sul suo percorso di cura e riabilitazione. Riceverai:

– due numeri di Passi di Luce: il notiziario ricco di fotografie con gli aggiornamenti dal momento dell’operazione fino al percorso di riabilitazione;

– una lettera che ti racconterà i primi giorni dopo l’operazione con una nuova fotografia;

– il link a un video per rivivere il meraviglioso cammino di rinascita che avrai percorso insieme al bambino;

– una lettera con la presentazione del nuovo bambino che riceverai dopo un anno dall’attivazione del tuo Sostegno.

 

 

Quali forme di disabilità hanno i bambini?

CBM aiuta le persone con disabilità di ogni tipo, sia disabilità visive, come la cecità, sia disabilità fisiche come le malformazioni congenite agli arti, la labiopalatoschisi (labbro leporino), le paralisi cerebrali e le disabilità uditive. CBM assiste persone di ogni età, ma il progetto di Sostegno a Distanza è focalizzato sui bambini, in quanto sono i più vulnerabili. Con il giusto aiuto possono tornare a vedere, a camminare, possono spezzare il ciclo di “povertà-disabilità”.

 

Che cos’è il ciclo di “povertà-disabilità”?

La povertà e la disabilità sono fortemente collegate. Le persone con disabilità non hanno la possibilità di lavorare, mantenere la propria famiglia, essere autosufficienti. Allo stesso modo le persone più povere hanno più difficoltà ad accedere ai servizi sanitari, e sono per questo maggiormente esposte alla disabilità.

 

Come funziona il progetto di Sostegno a Distanza?

Diventando madrina o padrino CBM, sosterrai i progetti di cura, riabilitazione e prevenzione delle varie forme di disabilità dei bambini con disabilità nei Paesi del Sud del mondo. Grazie alle tue donazioni regolari, questi bambini potranno ricevere le operazioni chirurgiche e le terapie riabilitative di cui hanno bisogno e potranno essere inseriti a scuola e nelle loro comunità. Ogni bambino del quale seguirai la storia rappresenta simbolicamente tutti i bambini raggiunti dal tuo sostegno concreto.

 

Le mie donazioni aiutano un bambino specifico?

Con la tua donazione regolare non aiuterai solo il bambino del quale seguirai la storia, ma farai molto di più! Con il tuo sostegno regolare contribuirai a sostenere i progetti grazie ai quali CBM, ogni anno, offre assistenza sanitaria a circa 4 milioni di bambini nei Paesi del Sud del mondo.

 

Posso scrivere al bambino del quale seguo la storia?

Puoi inviare le tue lettere a CBM Italia Onlus, Via M. Gioia 72, 20125 Milano. Saremo felici di leggere i tuoi commenti sul progetto. L’esperienza ci ha insegnato che consegnare la lettera a un solo bambino può essere controproducente perché il tuo sostegno permette di cambiare la vita a tanti bambini, mentre i tuoi pensieri ne raggiungerebbero solo uno. Il bambino che sostieni infatti ne rappresenta molti altri.

 

Dopo i 12 mesi il bambino continuerà ad essere aiutato?

Sì, ogni bambino è assistito per tutto il periodo di cui ha bisogno, fino a quando sarà completamente riabilitato e reinserito nella sua comunità.

 

Perché è importante attivare una donazione regolare?

Attivare una donazione regolare è SEMPLICE: basta compilare e spedire a CBM Italia il modulo di adesione. È ECONOMICO: puoi scegliere di dividere la donazione in piccole quote mensili o trimestrali che non graveranno sul bilancio familiare. È COMODO: non hai nessuna fila da fare, né in banca né in posta e hai la possibilità di sospendere il versamento in qualsiasi momento telefonandoci allo 02/720.936.70.

Con una donazione regolare aiuti CBM a PIANIFICARE: poter contare su entrate sicure ci consente di pianificare e gestire al meglio i nostri interventi. RISPARMIARE: le donazioni regolari ci permettono di ridurre i costi di gestione. MIGLIORARE: avere dei fondi su cui contare ci aiuta a offrire un servizio qualitativamente più elevato.

 

Le donazioni per il sostegno sono detraibili? Se sì come?

Le donazioni a CBM Italia Onlus, e quindi anche le donazioni per il Sostegno a Distanza, sono deducibili o detraibili fiscalmente.

Per le persone fisiche:

 

È possibile detrarre dall’imposta lorda il 19% dell’importo donato, fino ad un massimo di 2.065,83 euro (art.15, comma 1 lettera i-bis del D.P.R. 917/86). Oppure è possibile dedurre dal reddito imponibile le donazioni, in denaro o in natura, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e, comunque, nella misura massima di 70.000,00 euro annui (Decreto Legge 35/05 convertito in Legge n. 80 del 14/05/2005).