Trachoma S.A.F.E.

Etiopia,

Southern Nations Nationalities People’s Regional State (SNNPRS), distretti di  Sodo (Zona Gurage), Lanfuro e Dalocha (Zona Selti)

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il progetto ha l’obiettivo di ridurre il tasso di incidenza del tracoma nei tre distretti di Sodo, Lanfuro e Dalocha, nella regione Southern Nations Nationalities People’s Regional State (SNNPRS), rispondendo al bisogno della popolazione, in particolare donne e bambini, di avere accesso ad acqua pulita e adeguate condizioni igienico-sanitarie e ambientali.   Grazie al sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e insieme al nostro partner locale, il progetto di durata triennale – partito nel febbraio 2016 – prevede l’applicazione della  strategia SAFE, in accordo con  l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tale strategia consiste in: prevenzione e trattamento medico-chirurgico del tracoma, attività di educazione sull’igiene personale e sulla salubrità dell’ambiente, accesso alla fornitura di acqua pulita. La SNNPRS è infatti la 3° regione d’Etiopia più colpita dal tracoma: il 45% dei distretti è iperendemico. Il problema principale è la trasmissione del tracoma dovuta a molteplici cause, quali la mancanza di acqua pulita, le precarie condizioni igienico-sanitarie e ambientali, le scarse conoscenze della comunità sulle norme igienico-sanitarie utili a prevenire questa malattia.

PARTNER LOCALE:

Grarbet Tehadiso Mahber (GTM)

CON IL SOSTEGNO DI:

AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

 

Fondation L’Occitane

RISULTATI RAGGIUNTI

Nei due anni di progetto abbiamo raggiunto questi importanti risultati nella lotta al tracoma:

  • 43.505 persone con problemi alla vista sono state visitate, di cui:
    • 8.226 curate con medicinali
    • 1.296 sottoposte a intervento chirurgico
  • 11.694 persone identificate e curate da tracoma
  • abbiamo formato 212 operatori sanitari governativi, soprattutto donne
  • costruito 28 pozzi e 48 latrine
  • formato 36 comitati di gestione per l’acqua e i servizi igienico-sanitari
  • sensibilizzato 21.000 bambini nelle scuole
  • raggiunto e sensibilizzato 179.024 persone nelle comunità.