CBM Italia partecipa al Gift Matching Program di UniCredit Foundation per salvare i neonati prematuri dalla cecità.

Bambina in incubatrice

Fino al 30 novembre gruppi di dipendenti UniCredit, in Italia, all’estero e in pensione, possono unirsi per salvare i neonati prematuri che rischiano di diventare ciechi a causa della retinopatia del prematuro.

Se sei dipendente UniCredit o conosci qualcuno che ci lavora, è il tuo momento: partecipa all’iniziativa e fallo sapere a tutti.

L’iniziativa Gift Matching Program

  • A chi è rivolta?

Ai dipendenti UniCredit, in Italia e all’estero, e ai dipendenti in pensione.

  • Come funziona?

Accedi alla intranet aziendale di UniCredit, cerca Gift Matching Program, seleziona CBM Italia “Nati per vedere” tra le campagne da sostenere ed effettua la tua donazione.

  • Quanto dura?

Fino al 30 novembre 2020.

  • Posso far valere le donazioni precedenti?

Certo! Accedendo alla intranet puoi far valere le donazioni già effettuate a CBM Italia a partire dall’1 gennaio 2020, a patto che siano state fatte da un conto UniCredit con bonifico, SEPA o attraverso la piattaforma ilMioDono.it.

Perché partecipare?

Per fare del bene…due volte: Fondazione UniCredit raddoppierà le donazioni effettuate dai gruppi di dipendenti che scelgono di aderire al Gift Matching Program! Questo permetterà di visitare, curare e salvare ancora più bambini a rischio di cecità causata dalla retinopatia del prematuro (ROP).

Cos’è la ROP?

La ROP (retinopatia del prematuro) è la prima causa di cecità neonatale al mondo. Ogni anno colpisce 15 milioni di bambini, ma solo lo 0,5% degli oculisti sa curarla.
La ROP è causata dall’esposizione all’ossigeno dell’incubatrice: i nati prematuri non hanno la capacità di auto-regolare i vasi sanguigni dell’occhio. Questo provoca la formazione di vasi in eccesso che, se non bloccati in tempo, “spaccano” la retina e ne causano il distacco, causando cecità.

Come si cura la ROP?

CBM ha sviluppato un modello d’intervento estremamente efficace per sconfiggere la ROP, basato sulla cura e sulla prevenzione. Lo sta applicando in tutti i suoi progetti in Paraguay, Bolivia e Guatemala, al servizio di tutti i neonati, anche quelli che provengono dalle famiglie più povere. A Cali, in Colombia, il modello CBM ha permesso di ridurre la cecità da ROP dal 18% al 1,7%.

Se individuata in tempo, la ROP può essere trattata con il laser oppure iniettando un farmaco che inibisce la crescita dei vasi sanguigni all’interno dell’occhio.
È necessario visitare periodicamente i bambini a rischio, attraverso l’esame del fondo oculare.

L’intervento deve essere tempestivo e mirato e nella grave emergenza COVID-19 in corso, è ancora più difficile accedere agli ospedali o permettere gli spostamenti e le visite, permettendo di salvare questi bambini.

Come saranno usati i fondi raccolti?

Le donazioni che riceveremo attraverso il Gift Matching Program per il progetto “Nati per vedere” serviranno per:

  • Visite per prevenzione, diagnosi, trattamento e follow-up dei neonati e trasferimenti tempestivo ai centri di competenza e riabilitazione;
  • Formazione di medici e infermieri delle unità neonatali negli ospedali;
  • Equipaggiamento delle unità neonatali con gli strumenti necessari per la prevenzione, cura e diagnosi
  • Sensibilizzazione e informazione rivolte alle famiglie dei bambini sull’importanza delle visite di controllo.

Per maggiori informazioni su come aderire al Gift Matching Program visita la Intranet di UniCredit oppure scrivi a Maddalena Frigerio –
maddalena.frigerio@cbmitalia.org


{{ errors.first('firstname') }}
{{ errors.first('lastname') }}
{{ errors.first('email') }}