12 anni in corsia in uno dei programmi oculistici più grandi al mondo per numero di operazioni di cataratta. La dottoressa Rakshya, arrivata all’ospedale Biratnagar grazie a una borsa di studio, oggi è sovrintendente medico e un grande stimolo a fare sempre di più. Guarda il video.

Abbiamo intervistato la dottoressa Rakshya, oftalmologa e sovrintendente medico dell’ospedale Biratnagar, per raccontarti questo progetto straordinario, che continua a crescere grazie al sostegno di tanti donatori. Tra ricordi emozionanti e strategie per raggiungere più persone possibili, ecco alcuni motivi per non perdersi le sue parole.

Perché è la prova che la generosità cambia il mondo

La storia della dottoressa Rakshya inizia con un gesto di solidarietà: grazie a una borsa di studio, riesce a entrare in uno dei programmi oculistici più grandi al mondo per numero di operazioni di cataratta. Un programma straordinario e in continua crescita, grazie anche a chi sceglie di fare un lascito solidale a CBM, permettendoci di garantire cure accessibili e di qualità a sempre più persone. Solo lo scorso anno, nei due ospedali e nei 16 centri satellite che compongono il programma, abbiamo potuto visitare più di 200 mila persone.

Perché ti darà la carica per inseguire i tuoi sogni

Sono passati 12 anni da quando la dottoressa Rakshya è entrata nel programma. E non solo ogni giorno continua a varcare le corsie dell’ospedale Biratnagar, ne è diventata anche sovrintendente medico. Punto di riferimento per tutto lo straordinario staff che accoglie, visita e cura centinaia di pazienti provenienti dal Nepal e dalle zone limitrofe.

Perché ci insegna che ogni nostro gesto racchiude infinite possibilità

Nel video sentirai un numero, non vogliamo anticipartelo per lasciarti lo stupore della scoperta: è il numero delle operazioni effettuate ogni giorno al Biratnagar. Si traduce in vite cambiate, persone che torneranno a vedere spezzando il ciclo che lega povertà-disabilità. Molti di loro sono piccolissimi la prima volta che entrano nell’ospedale per essere operati, appena 6 o 7 mesi, e l’emozione di rivederli durante le visite di controllo negli anni successivi e saperli in salute, traspare dagli occhi della dottoressa mentre lo racconta. In questo caso un lascito solidale acquista un significato ancora più profondo: proprio nel momento in cui non ci saremo più, staremo cambiando il futuro di chi si è appena affacciato alla vita.

Perché vorrai non smettere mai di fare la differenza

Sostenere la continuità e la crescita di programmi straordinari come questo è un modo concreto per creare un cambiamento reale nella vita di centinaia di migliaia di persone cieche e con disabilità.
La cosa straordinaria è che tu hai già iniziato a farlo nel momento in cui hai scelto di essere ogni giorno al fianco di chi ha più bisogno.
Oggi, con un gesto semplice e non vincolante, puoi scegliere di far durare questa tua scelta per sempre attraverso un testamento solidale.

Vorresti sapere come fare?

Contatta Cristina Abdel Mallak, la nostra referente per i lasciti testamentari, per approfondire l’argomento o ricevere gratuitamente la guida sui lasciti solidali.

Tel. 0272093670
Cell o WhatsApp 370/3315173
Email: cristina.abdelmallak@cbmitalia.org

Cristina, Referente lasciti testamentari


{{ errors.first('firstname') }}
{{ errors.first('lastname') }}
{{ errors.first('email') }}