Paesaggio in Kenya

Il progetto

ll progetto “Promuovere la sicurezza alimentare e la resilienza di donne con disabilità e le loro famiglie nella sub-contea di Igembe Nord, Kenya” nasce a seguito della grave crisi alimentare in corso nel Paese dovuta al fenomeno climatico El Niño, che ha causato siccità e precipitazioni scarse e intermittenti dal 2016 al 2018. In risposta a tale emergenza e in linea con le indicazioni del governo keniota e della National Drought Disaster Management Authority, CBM e la Diocesi di Meru (DOM/SPARK) hanno  avviato un  intervento  per  contribuire  al  miglioramento  della  sicurezza  alimentare nelle  aeree  rurali  del  Paese.

Obiettivo specifico del progetto è potenziare la sicurezza alimentare e la resilienza nella Regione Igembe Nord, in particolare delle donne con disabilità e le loro famiglie.

Il progetto è implementato nelle aeree rurali, le più colpite dalla crisi alimentare; prevede un supporto nell’ambito dell’agricoltura e dell’allevamento ai piccoli produttori, fornendo loro non solo materiali e sementi ma anche trasferendo competenze su pratiche resilienti e innovative per mitigare e prevenire gli effetti del cambiamento climatico.

In Kenya l’insicurezza alimentare colpisce chi abita nelle aree aride più a rischio e soprattutto le donne e le persone con disabilità. Per questo beneficiari prioritari del progetto sono le famiglie guidate da donne con disabilità o con persone con disabilità al loro interno.

Beneficiari diretti del progetto sono 800 nuclei familiari di persone con disabilità.  Nel complesso si stima che il progetto raggiungerà 4.000 beneficiari indiretti, tra familiari e membri della comunità, poiché l’aumento della produzione agro-pastorale porterà una maggiore disponibilità di alimenti ad alto contenuto nutrizionale quali cereali, leguminose, carne e latticini. L’intera comunità beneficerà quindi di una maggiore disponibilità di cibo e di una diversificazione nella dieta, con un effetto positivo sulla sicurezza alimentare.

Le attività principali del progetto sono: formazione su tecniche di agricoltura e pratiche di allevamento resilienti, distribuzione di kit per agricoltura e allevamento, sensibilizzazione.

Risultati attesi

  • 800 famiglie di persone con disabilità  riceveranno sementi e  formazione  in  agricoltura  sostenibile e resiliente.  La distribuzione di semi resistenti alla siccità favorirà la coltivazione di piantagioni meno sensibili ai cambiamenti climatici, mentre le sessioni di formazione doteranno i partecipanti di conoscenze innovative capaci di prevenire e mitigare eventuali impatti climatici nonché di implementare strategie per immagazzinare l’acqua piovana.
  • I beneficiari saranno formati sulle migliori pratiche di allevamento di bestiame rispetto ai cambiamenti climatici nella regione e sensibilizzati riguardo la prevenzione delle malattie più comunemente diffuse tra il bestiame.
  • Ai beneficiari saranno trasmesse  conoscenze  in  materia  di  gestione delle finanze   e sarà incoraggiata  la  creazione di gruppi di credito e risparmio (Village Savings and Loan Association – VSLA) a cui poter  far  ricorso  per  fronteggiare  i  momenti  di  crisi o  per rafforzare le proprie attività economiche e contenere l’impatto degli eventi climatici in futuro.
{{ errors.first('firstname') }}
{{ errors.first('lastname') }}
{{ errors.first('email') }}